Intelligenza ArtificialeLavorare

La potenziale evoluzione dell’intelligenza artificiale

Quali sono le prospettive sull’evoluzione dell’intelligenza artificiale nel contesto della trasformazione digitale e dell’Innovazione tecnologica?

Ormai è quasi un anno che l’intelligenza artificiale è entrata a far parte della nostra vita. A gamba tesa, con le sue novità amate e odiate da molti, c’è chi pensa alle A.I. come quel piccolo sassolino in caduta libera da un dirupo pronto a diventare la classica gigantesca palla di neve che ci distruggerà tutti, è c’è chi invece la vede come un mezzo per dare forma alla propria creatività e non vede l’ora di scoprire a quali sfide sottoporla.

Illustri e non della tecnologia l’hanno prima affossata e poi elogiata, premiata e puoi nuovamente criticata, ma la verità e che per chi ha “fame di scoprire cose nuove” le A.I. sono come la borsa di Hermione Granger con l’incantesimo di estensione, dentro ci trovi di tutto!

Le A.I. ci possono aiutare a gettare la bozza di un progetto che prima non avevamo gli strumenti per creare, dovendo pagare anche migliaia di euro per realizzarli, ma la bozza è pur sempre solo una bozza! L’idea di partenza nasce dalla creatività dell’uomo, scopo, forma e strumenti da utilizzare sono scelti dall’uomo, le A.I. poi creano un prototipo che l’uomo modifica e perfeziona per renderla come lui l’ha pensata in principio.

Non so voi ma la parte “artificiale” che io vedo è davvero scarsa! Ma, qual’è la vera definizione di Intelligenza artificiale? Perché esistono le A.I. e le A.G.I ecco qual’è la differenza.

Differenza tra A.I e A.G.I

Cosa significa davvero “intelligenza artificiale”? Se non ne hai mai sentito parlare, ecco una definizione chiara in parole semplici: l’Intelligenza Generale Artificiale (o AGI, conosciuta anche come Strong AI, Full AI o Super-intelligenza) è una forma ipotetica di IA estremamente avanzata. Questa forma di intelligenza sarebbe dotata dei più alti livelli di auto-consapevolezza e coscienza, con la capacità di pensare, comprendere, apprendere e applicare conoscenze e abilità in vari compiti e situazioni, proprio come farebbe un essere umano. Don’t panic!

evoluzione dell’ai – lavoraredacasa.org

Per comprendere la distinzione tra AI e AGI, è essenziale chiarire che l’Intelligenza Artificiale (AI) è una realtà esistente che abbraccia una vasta gamma di tecnologie e sistemi attualmente in uso. Include anche studi che si occupano della capacità di elaborazione e apprendimento delle macchine e dei computer. D’altra parte, l’Intelligenza Generale Artificiale (AGI) è ancora un concetto teorico, un’aspirazione a lungo termine che rappresenta uno degli obiettivi ambiziosi per gli sviluppatori IT e gli scienziati futuristici.

Inoltre, un’altra differenza chiave risiede nel fatto che, mentre l’IA tende a essere limitata ma specializzata in settori specifici come la sicurezza informatica e l’onboarding digitale, l’AGI mira a creare macchine consapevoli che possano somigliare agli esseri umani. Mentre l’AI è focalizzata su compiti specifici e circoscritti, l’AGI mira a dotare le macchine della capacità di comprensione e apprendimento simile a quella umana, rappresentando un livello di intelligenza artificiale più ampio e generale.

La potenziale evoluzione dell’Intelligenza artificiale

L’Intelligenza Artificiale Generale (AGI) è un obiettivo ambizioso che molti ricercatori e aziende stanno cercando di raggiungere. Ma come si sta evolvendo l’IA attuale e quali sono le sue prospettive future? Vediamo alcune statistiche chiave fornite da Forbes per avere un quadro più chiaro della situazione e delle tendenze.

Parlando della potenziale evoluzione dell’intelligenza artificiale dobbiamo considerare che l’IA ha un impatto enorme sull’economia globale e si stima che contribuirà con più di 15 trilioni di dollari entro il 2030. Le regioni che beneficeranno di più dall’IA saranno la Cina, con una crescita del 26% del PIL entro il 2030, e il Nord America, con un aumento del 14,5%. L’IA è anche una priorità strategica per la maggior parte delle organizzazioni, che la considerano essenziale per la crescita aziendale. Si prevede che l’IA creerà circa 97 milioni di posti di lavoro entro il 2025, ma allo stesso tempo potrebbe sostituire il 30% della forza lavoro mondiale entro il 2030, richiedendo una riconversione professionale per circa 375 milioni di persone.

Intelligenza artificiale
Intelligenza artificiale – lavoraredacasa.org

Tra i settori che stanno guidando l’innovazione nell’IA, ci sono l’automobilistico e il sanitario, che stanno sviluppando sistemi di intelligenza artificiale avanzati che potrebbero essere dei precursori dell’AGI:

Nell’evoluzione dell’intelligenza artificiale Il mercato delle auto autonome dovrebbe arrivare a quasi 14 miliardi entro il 2030, con l’obiettivo che il 10% dei veicoli sarà senza conducente nello stesso anno.
Il mercato dei robot medici dovrebbe raggiungere i 40 miliardi di dollari entro il 2032, con un tasso di crescita annuo del 17% dal 2022 al 2032.
Le dimensioni del mercato globale della Robotics Process Automation (RPA) nel settore sanitario dovrebbero superare i 6 miliardi entro il 2030, con un tasso di crescita annuo del 26%.

Se vuoi approfondire il tema dell’Intelligenza Generale Artificiale, ti consigliamo di leggere il saggio Menti, cervelli e programmi. Scienze del comportamento e del cervello, scritto dal filosofo americano John Rogers Searle, una lettura che potrebbe aiutarti a capire il concetto di base di tecnologie come i supercomputer e l’AGI, naturalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *