ConsigliLavorare

Lavorare da casa: sei buone abitudini per tutti i freelancer

Consiglio 1: Mantenere una routine regolare

Chi lavora da casa non è vincolato dagli orari d’ufficio e per questo può avere una naturale tendenza a scivolare verso la sregolatezza. Si lavora un giorno un’ora in più e magari il successivo due ore in meno per compensare la stanchezza. Questo atteggiamento è in realtà poco produttivo, soprattutto nel lungo termine. Quando si lavora da casa è necessario essere anche il superiore di se stessi e imporsi una routine che sia il più regolare possibile, o la produttività finirà necessariamente per risentirne.

Ragazza lavora con un computer di notte
Se preferite lavorare a notte fonda, cercate di lavorare agli stessi orari tutte le notti!

Consiglio 2: Scegli la tua routine!

Il lato positivo del lavoro da casa è certamente la flessibilità oraria. Devi seguire una routine ben precisa? Certamente, ma nessuno ti impone quali debbano essere gli orari della tua routine ! Ti trovi bene a lavorare nel fondo della notte piuttosto che nelle regolari ore d’ufficio? Nessun problema! Alcuni potrebbero reputare l’abitudine al lavoro notturno poco salutare, ma molte persone sono più produttive durante la notte e si tratta di una scelta personale. Dovrai trovare nel tempo quali sono le fasce orarie che preferisci per lavorare: l’importante è seguirle con regolarità e senza eccezioni. Il che ci porta al punto successivo.

Ragazza si ferma dal lavoro per la stanchezza
Lavorare quando si è troppo stanchi deve essere un’eccezione rara per riuscire a restare produttivi nel lungo termine.

Consiglio 3: Fermati quando è il momento

Un’altra tentazione in cui è facile cadere nel lavoro autonomo è il fare ore extra per chiudere un lavoro o in ogni caso nella prospettiva semplicistica del “più lavoro più guadagno”. Oltre al già menzionato problema dell’importanza di una routine regolare, bisogna sottolineare ancora che il lavoratore autonomo è il capo di se stesso. Non ha ferie pagate e nessuno che gli dica “per oggi è abbastanza”. Per questo è fondamentale che impari ad autoregolarsi. È importante saper riconoscere i sintomi della stanchezza e, unico caso in cui è possibile venire meno alla routine, imparare a riposarsi al momento giusto. I benefici di un’ora di riposo possono essere ben maggiori di quelle di due ore di straordinari, se si apprende a conoscere i propri limiti e a regolarsi. Ricordate che come lavoratori autonomi avete anche la responsabilità di gestire voi stessi nel lungo termine. Senza la capacità di riconoscere quando è il momento di riposarsi un po’, la stanchezza continuerà ad accumularsi nel tempo: vi impegnerete e probabilmente riuscirete a portare a termine le consegne ma con il rischio di perdere di vista la prospettiva più ampia sulla gestione del vostro lavoro (come la pianificazione per il futuro, l’organizzazione del tempo per acquisire nuove competenze, la valutazione dell’andamento della vostra attività, etc).

Ragazza guarda fuori dalla finestra prima di iniziare a lavorare
Anche una semplice abitudine come aprire la finestra può aiutare a migliorare la routine di lavoro.

Consiglio 4: Prendi un po’ d’aria!

Il lavorare da casa comporta, per definizione, molte ore al chiuso. Il comfort può essere di beneficio per la concentrazione (anche se non per tutti è così), ma il passare molto tempo in casa può comportare altri problemi. Una passeggiata giornaliera è di grande aiuto per la produttività. Chi ha sempre lavorato in ufficio magari non si rende conto dei benefici della propria routine, ma il tragitto da casa a lavoro può avere anche dei risvolti positivi. È una forma di attività fisica lieve, permette di svegliare la mente per prepararla al lavoro e di passare qualche minuto all’aria aperta (per i più fortunati, per gli altri in mezzo al traffico). Per questo il lavoratore autonomo deve fare il possibile per replicare questa esperienza. Svolgere le proprie commissioni fuori casa prima di iniziare il lavoro, sebbene possa sembrare tempo sottratto al lavoro vero e proprio, può essere una buona abitudine per migliorare la produttività. Se non avete commissioni da svolgere, un semplice consiglio può essere quello di aprire la finestra e prendere un po’ di luce come prima azione mattutina prima di iniziare il lavoro. Sarete sorpresi dai risultati!

Ragazza lavora in un ufficio piacevole ben arredato e ordinato
Non bisogna mai sottovalutare quanto l’ambiente di lavoro influisca sulla concentrazione

Consiglio 5: Ambiente ordinato

Quando si lavora da casa la dimora è anche il proprio ufficio. Un ambiente ordinato e pulito è fondamentale per aiutare la concentrazione. Ancora una volta chi lavora in ufficio da per scontati i vantaggi del lavoro in un ambiente “asettico” e predisposto solo al lavoro. Chi lavora da casa invece deve fare uno sforzo in più per assicurarsi di creare in casa un’atmosfera da ufficio. In altre parole: non trascurate la casa per fare qualche ora di lavoro in più! Predisponete attentamente il vostro spazio di lavoro e, quando il disordine aumenta per gli impegni domestici non portati a termine, assicuratevi di dedicare del tempo a riordinare, anche a costo di mettere in pausa il lavoro. Un ambiente disordinato danneggia la concentrazione e probabilmente aumenterà anche la tendenza ad essere disordinati nel lavoro. Anche se vi sembrerà di perdere tempo nel rimettere a posto casa invece di lavorare, sarà tempo impiegato per migliorare la produttività e la qualità del vostro lavoro e pertanto ben speso!

Ragazzo controlla il cellulare distraendosi dal lavoro
“Mi fermo un minuto per controllare questa notifica” è una frase che potrebbe costarvi più soldi di quanto credete!

Consiglio 6: Evitate le distrazioni

Aprire la pagina di qualche social media, piattaforma video, leggere il messaggio che vi inviano amici e parenti con qualche foto divertente, una notifica sul cellulare: le distrazioni sono ovunque. Ma come lavoratore autonomo non avete nessuno che vi aiuti a riprendere la concentrazione se vi distraete troppo, né superiori né colleghi. Purtroppo amici e parenti penseranno che visto che non siete in ufficio, potete essere disturbati tranquillamente anche solo per un saluto veloce. Niente di più sbagliato! Come lavoratori autonomi la concentrazione è la vostra vera fonte di reddito! Imparare a concentrarvi è la vostra arma migliore per eccellere nel lavoro da casa. Evitiamo di controllare telefoni e pagine social. Evitiamo qualsiasi forma di scrolling se non siamo in pausa! Un post o un video portano ad un altro e prima che ce ne rendiamo conto abbiamo perso minuti preziosi e con questi vediamo diminuire il nostro guadagno. Un consiglio: se non abbiamo appuntamenti telefonici lavoriamo a debita distanza dalla smartphone. Anche se non rispondiamo immediatamente ad una richiesta di lavoro non dobbiamo preoccuparci: è un danno trascurabile rispetto alla perdita di concentrazione!

Avatar photo

Dario

Mi occupo di realizzare siti web per aziende e professionisti lavorando come freelance in maniera completamente autonoma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *